Rassegna stampa

IL GAZZETTINO, sabato 26 giugno 2010

Il "campo" prevede un percorso per insegnare la sicurezza stradale ai bambini fino a 12 anni.
Il progetto proposto dalla Pasav finora è rimasto lettera morta.

Costa poco, è utile e innovativo. Il "Campo scuola per la sicurezza stradale" è un progetto elaborato dall'associazione Pasav di Venezia e presentato un anno e mezzo fa all'allora vicesindaco Mognato e da quello attuale, Sandro Simionato. Da allora nulla di nuovo, tutto è rimasto sulla carta. Il progetto regalato da Pasav al Comune prevede la realizzazione di un "pezzo di città" in scala ridotta dove insegnare ai bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni delle scuole veneziane a muoversi in sicurezza tra le insidie del traffico urbano: incroci, attraversamenti pedonali, semafori, piste ciclabili e ora che la città sta cambiando, anche il tram.

 

"Non aspettiamo - avverte Cristiano Invaso. presidente di Pasav - gli incidenti per correre ai ripari. Evitiamo di ripetere l'errore di Padova, dove solo dopo i primi investimenti si è deciso di sensibilizzare i più piccoli sui pericoli del tram. Il "Campo scuola" potrebbe essere una palestra in tutta sicurezza".

 

Pasav da anni organizza lezioni di sicurezza stradale nelle scuole del veneziano in collaborazione con Polizia Municipale e Stradale. Con il "Campo scuola" permanente la teoria si farebbe pratica. I birilli sistemati nelle palestre o in giardino diventerebbero piste ciclabili, incroci, rotatoie e passaggi a livello simili a quelli di Mestre e dintorni.

"Con 50mila euro - spiega Invaso - si può realizzare l'intero circuito. A Santa Maria di Sala ne stanno per inaugurare uno identico a quello da noi regalato all'allora Amministrazione Cacciari. Comuni come Jesolo e Martellago li stanno già usando, mentre Venezia non si è ancora pronunciata. L'assessore Bergamo ha però detto, in una recente intervista televisiva, che il Comune si sta muovendo. Se a breve non avremo risposte certe, inizieremo una campagna di raccolta firme".

Il progetto dell'associazione Pasav prevede la costruzione del "campo" in un'area di 2mila mq del Reparto Motorizzato di Polizia Municipale in località Gazzera, dove l'intero complesso verrebbe attraversato anche da una vera strada e reso così ancor più realistico. In alternativa l'associazione ha proposto altre due aree a ridosso dei parchi Bissuala e San Giuliano.